Porto di Palmi
Immagine dal satellite del Porto di Taureana-Palmi

    Mappa Porto turistico di Palmi
Mappa del porto di Taureana



Il porto di Palmi, denominato anche porto di Taureana di Palmi, è ubicato in località Tonnara, all'estremità nord dell'omonima rada. La struttura è classificata nella I categoria quale porto rifugio e nella II categoria, IV classe, per le funzioni di rada commerciale. La superficie occupata comprende un'area demaniale marittima di circa 86.750 m² di suolo.

Il porto è il principale scalo turistico del litorale tirrenico della Calabria meridionale. Ancora in parte da ultimare, la struttura è stata progettata per la nautica da diporto e per la pesca offrendo, a lavori conclusi, servizi quali piccola cantieristica, rifornimento e ristorazione.

Il porto di Taureana di Palmi è ubicato nella zona Ovest della città. Al momento, le opere portuali esistenti sono il molo di sopraflutto realizzato in prosecuzione del braccio di molo già esistente, per una lunghezza complessiva di 298 m, orientato parallelamente alle isobate e alla linea di costa; il molo di sottoflutto lungo 235 m circa, che ha nel primo tratto un andamento ortogonale alla costa per poi svilupparsi parallelamente alle isobate in direzione Sud-Nord, curvando nel tratto terminale in direzione SudEst- NordOvest. Lo specchio acqueo interno portuale è di circa 40.000 mq con fondali differenti: ha un pescaggio di 5 m all'imboccatura e lungo i banchinamenti del molo di sopraflutto, e di 3,5 m nel tratto dedicato all'alaggio e varo delle imbarcazioni (darsena e scivolo) e lungo le rimanenti banchine per poi digradare fino allo zero in corrispondenza dell'arenile non ancora banchinato. Sono previsti lavori di ampliamento. Destinato a ricovero natanti ed imbarcazioni da pesca.

 

Porto di Palmi Porto di Palmi Porto di Palmi Porto di Palmi

Immagine dal satellite del Porto di Bagnara

 

Porto di Bagnara Calabra
Immagine dal satellite del Porto di Bagnara

  Immagine dal satellite del Porto di Bagnara

Mappa del Porto di Bagnara Calabra

 

Porto di Bagnara Porto di Bagnara Porto di Bagnara Calabra Porto di Bagnara Calabra

 

Il porto di Villa San Giovanni, è il più grande terminal della Calabria per traghettamento di autoveicoli e rotabili ferroviari, risale alla preistoria in quanto punto più vicino alla costa siciliana.

Porto di Villa San Giovanni

Mappa del porto di Villa San Giovanni

Porto di Scilla
Immagini del satellite del porto di Scilla

 

Mappa del porto di Scilla
Mappa del porto

 

La storia del porto di Scilla è strettamente legata a quella della sua città le cui origini antichissime mescolano mitologia, storia, leggenda e immagini create dal suggestivo paesaggio circostante. Secondo la tradizione, Scilla, figlia del re di Megara, avrebbe aiutato il re Minosse per conquistare delle terre che erano sotto il dominio del suo stesso padre.

Al termine dell’atroce vicenda il re cretese si rifiutò di sposarla e l'abbandonò alle onde del mare che ne portarono il corpo ai piedi del promontorio che si trovava a 12 miglia da Messina, cui fu dato pertanto il nome della fanciulla. Secondo fonti storiche, ondate di popolazioni provenienti dal mare e dirette verso sud avrebbero successivamente fondato dei villaggi lungo i terrazzamenti più bassi del dorsale dell’Aspromonte.

Trattandosi di popoli di pescatori, probabilmente scelsero come area d’insediamento la zona attigua la rupe centrale di Scilla, dove la presenza dei numerosissimi scogli agevolava la pratica della pesca, consentendo al tempo stesso la costruzione delle rudimentali capanne. Il porto di Scilla, infatti, si trova al di sotto della rupe dove oggi sorge il Castello dei Ruffo di Scilla.

Nei secoli questo porto ha rappresentato un rifugio per le imbarcazioni che attraversavano lo stretto di Messina, trasformandosi successivamente in un porto peschereccio dal momento che la pesca era la principale attività di cui si occupava la popolazione locale. Ancora oggi nell’unico scivolo del porto si trovano le barche dei pescatori pronte a mettersi in mare per una battuta di pesca. Nella banchina sono spesso ancorate le passarelle per la pesca del pescespada, una tipologia di pesca molto diffusa nella zona.

Il porto di Scilla è formato da un molo che presenta una forma a “L” che si estende in direzione nord-sud est ed è munito di banchine nella parte interna, con bitte per l’ormeggio, e di una sola banchina con uno scivolo: la banchina Ruffo di Calabria è adibita a diporto nautico, quella chiamata Scoglio di Ulisse è dedicata ad imbarcazioni da pesca, mentre il molo esterno è assegnato ad uso commerciale e per l’ancoraggio dei mezzi di polizia.

Il fondale roccioso diventa particolarmente pericoloso per il comparire in superficie di alcuni scogli in presenza di correnti marine particolarmente intense e nei giorni in cui il libeccio la fa da padrone.

I servizi da diporto sono gestiti dalla Boat Service che ha posizionato in prossimità del porto 2 campi boe ecologici con 100 posti barca, attivi dal 1 maggio al 30 settembre, costruiti con catenarie legate ai sassi e agli scogli naturali presenti sul fondo. Il servizio include l’attracco della barca, la guardiania continua e il trasporto di andata e ritorno a bordo su traghetto. La gestione ha stabilito una convenzione con i cantieri per il rimessaggio invernale e la manutenzione che consente di lasciare la barca in affidamento annuale.

Un’altra attività di Scilla in costante crescita è, chiaramente, il turismo. La città richiama tanti turisti non solo per il mare e le spiagge, ma anche per le bellezze naturali e le opere architettoniche: nel periodo estivo, infatti, ci sono molti ormeggi nel porto a disposizione di coloro che soggiornano a Scilla e che portano la propria imbarcazione.

 

 

Porto di Scilla Porto di Scilla Porto di Scilla Porto di Scilla

incostaviola utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare pubblicità e per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più nella pagina dedicata alla Cookie Policy. Chiudendo il banner o continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie.